Yin Yoga
Pillole di Yoga

Yin Yoga: lo yoga della gentilezza

Lo Yin Yoga è un nuovo stile di yoga in cui alcune posizioni yoga passive vengono mantenute per un periodo di tempo più lungo. Le pose possono essere mantenute per una durata di 3-10 minuti. Contrariamente alla credenza che lo Yin Yoga provenga dalla Cina, questo concetto è in realtà preso dall’antica pratica dell’Hatha Yoga classico in cui le pose erano tenute da 3-10 minuti.

Voglio iniziare questo articolo che, mi sta particolarmente a cuore, riassumendo quello che è in questo stile di Yoga.

Lo Yin Yoga è stato ideato alla fine degli anni ’80 quando Paul Grilley. Di base, quando si parla di Yoga si parte sempre dall’ Hatha Yoga, variando poi la durata in cui si resta nelle asana (posizioni).

Nello Yin Yoga, vengono utilizzate solo le pose passive (Yin). L’uso dei muscoli è ridotto al minimo, quindi i muscoli sono delicatamente impegnati per mantenere la postura senza alcuno sforzo aggiuntivo. Poiché le pose devono essere mantenute per una durata maggiore, è incoraggiato l’uso di props come blocchi, cuscini, cinghia, ecc.

Anche le pose sono prese dall’Hatha Yoga, ma vengono dati nuovi nomi per evitare l’associazione diretta e, riportare il tutto con armonia e gentilezza fruibile a tutti in modalità passiva e meditativa.

Differenza tra Yin Yoga e altri stili di yoga

Voglio essere molto succinta su questo punto, in quanto, il mio obiettivo in questo articolo è di darti qualche elemento per prendere in considerazione l’idea di praticare Yin Yoga, e perché no, di farlo con me.

La differenza principale è la durata del mantenimento di una asana (posa).

Nello Yin Yoga, manteniamo la maggior parte delle posizioni tra i 5 ei 10 minuti.

Questo è in contrasto con le forme dinamiche di yoga come Ashtanga Vinyasa e Vinyasa Flow, dove le posizioni vengono mantenute per 5-10 respiri e ci muoviamo costantemente dentro e fuori dalle posizioni. Anche se l’Hatha Yoga è molto più statico, la maggior parte delle pose (per i principianti) si svolgono fino a un massimo di 3 minuti.

Quando manteniamo una posa per un periodo più lungo, portiamo l’allungamento ai tessuti Yin, i tessuti più profondi del corpo come i tendini, la fascia, i legamenti e altri tessuti connettivi. I nostri tessuti yin sono meno vascolari (forniti di sangue) e meno elastici e quindi hanno bisogno di più tempo per allungarsi.

Quando viene allungato regolarmente, aumenta la flessibilità complessiva, la circolazione e la gamma di movimento delle articolazioni e dei legamenti.

Quindi, se pratichi solo forme dinamiche di esercizio o yoga, acquisirai forza muscolare ma non necessariamente una gamma di movimento più ampia. Per avere una buona mobilità intorno alle articolazioni, molti di noi hanno bisogno di allungare anche il tessuto connettivo profondo e le articolazioni.

Secondo Paul, lo Yin Yoga è una pratica complementare, non un sostituto degli esercizi Yang. Viene anche chiamato Yoga della gentilezza, per la sua forma dolce, lenta e che connette mente, corpo cuore attraverso la meditazione e mindfulness.

Concetto di Yin e Yang

I concetti di Yin e Yang sono simili ai concetti di Ida (luna) e Pingala (sole) della tradizione Hatha Yoga.

Yin Yang è menzionato nella medicina tradizionale cinese e Ida Pingala è menzionato nello yoga e nell’ ayurveda.

Questi sono principi antichi che descrivono le due forze opposte in natura che sono presenti in ogni cosa. Yin si riferisce a lento, morbido, passivo e freddo. È anche associato ad acqua, terra, luna, femminilità, pesante e notte.

Yang d’altra parte si riferisce a veloce, duro, attivo, caldo, maschile, leggero e giorno. Nello yoga, vediamo questa differenza nella pratica degli asana. Alcune posizioni yoga sono passive e attivano le qualità Yin nel corpo e nella mente, mentre altre sono più dinamiche e attive, attivando le qualità Yang.

Se alleni la fascia in modo yin, diventa più lunga ed elastica. Se alleni la fascia in modo yang, diventa più corta, più forte e più rigida. Lo Yin Yoga è una trazione lenta e statica, lo Yang Yoga è ritmico e ripetitivo come il sollevamento pesi o la corsa. Nello stile Yin i muscoli mirati sono rilassati. Nello Yang Yoga, i muscoli mirati sono generalmente contratti.



Vantaggi dello Yin Yoga

Benefici fisici

I benefici più importanti dello Yin Yoga possono essere riassunti comprendendo l’effetto sui seguenti tessuti del corpo:

  • Fascia– con lunghi tratti allunghiamo e stimoliamo gli strati di fascia del nostro corpo. Con uno stress regolare la nostra fascia diventa sottile e il flusso di nutrienti aumenta. Ciò si traduce in un migliore funzionamento generale del corpo.
  • Legamenti: i nostri legamenti collegano le ossa alle ossa. I legamenti sono fasce fasciali rigide e forti che proteggono le nostre articolazioni dall’andare fuori posto e quindi limitano il nostro raggio di movimento. Ma i legamenti si contraggono sempre con l’età. Con lo Yin Yoga allunghiamo delicatamente i nostri legamenti e manteniamo la gamma di movimento delle nostre articolazioni. In altre parole, rimaniamo più giovani allungando i nostri legamenti.
  • Tendini: i nostri tendini sono il tessuto connettivo che collega il muscolo all’osso. Con gli esercizi yang, i tendini diventano forti e corti. Ciò si traduce in una ridotta gamma di movimento dei tendini. Questa è la principale ragione di infortunio negli atleti. Con le posizioni Yin Yoga pressiamo e allunghiamo delicatamente i tendini e manteniamo il loro raggio di movimento.
  • Articolazioni – Tutti i movimenti fisici avvengono alle nostre articolazioni. Ma a causa dello stile di vita moderno che favorisce la mancanza di movimento e movimenti a corto raggio, i liquidi nelle capsule articolari si deteriorano. Ciò riduce la durata del giunto. In questa pratica, esercitiamo una leggera pressione sulle articolazioni che rivitalizzano le articolazioni e rinnova i liquidi.
  • Visceri – Con una pressione delicata e prolungata sui nostri organi interni li stimoliamo e miglioriamo il loro funzionamento.
  • Miofascia – poiché la qualità del tessuto connettivo è migliorata, anche la gamma di flessibilità dei nostri muscoli (miofascia) viene influenzata positivamente.

Benefici mentali

  • Rilascio dello stress – Lo Yin Yoga aiuta a rilasciare lo stress che è immagazzinato nel nostro tessuto connettivo profondo. Questo è il motivo per cui vedrai spesso persone che si emozionano o piangono silenziosamente durante le lezioni di Yin. Dovresti sapere che tali reazioni sono completamente normali e possono essere, in effetti, previste.
  • Equilibrio emotivo – Lo Yin Yoga stimola le nostre ghiandole endocrine facendo pressione su di esse durante le pose a lungo trattenute. L’effetto è un migliore equilibrio ormonale che si traduce in emozioni più equilibrate.
  • Chiarezza – C’è potere nella quiete. La pratica regolare di stare seduti e concentrarsi porta chiarezza mentale.
Impara a lasciare andare, è questa la chiave della Felicità. Buddha

Perché mi sono avvicinata allo Yin Yoga?

Ho da subito apprezzato e appurato su me stessa i suoi benefici, tanto da volerne poi diventare insegnante.

Ho scelto questo stile perché va ad integrarsi perfettamente con il mio percorso formativo volto al benessere psico-fisico ma soprattutto al Wellness Walking e Mindfulness. Lo Yin Yoga infatti, migliora la flessibilità: mentre ti muovi durante la pratica dello yin yoga, i muscoli e le articolazioni iniziano ad allinearsi correttamente.

Le articolazioni consentono al corpo di diventare più attivo e flessibile.

È una delle pratiche lente, accessibile a chiunque, che permette alla tua mente di rilasciare lo stress durante gli esercizi di inspirazione ed espirazione e altre pose che vengono praticate.

La pratica lenta ti consente di stabilire connessioni più profonde con il tuo sé interiore, il che significa una meditazione più profonda rispetto alle solite pratiche di yoga. 

Lo yoga è 90% pratica e 10% teoria.

Non lasciarti impaurire dalle bellissime asana che vedi sui social network, tutto si raggiunge, nei giusti tempi ma, la vera parte importante , è il tuo viaggio interiore ed i benefici di cui puoi beneficiare nell’immediato e nel lungo periodo.

Come ho detto in precedenza, lo Yin Yoga è entrato nella mia vita in punta di piedi, con gentilezza proprio nella sua vera forma. Diventarne insegnante è stato un percorso introspettivo, è stato dare un’etichetta a qualcosa che già conoscevo senza avergli però dato un nome.

E’ un percorso che viene scandito a ritmo proprio, ognuno di noi ha i propri tempi per entrare al meglio in una asana. Ti voglio svelare un segreto: il vero arricchimento, non è entrare in una asana, ma come ci si entra, come si sta in quella asana e cosa si prova.

Le emozioni, la resistenza, l’ascolto del proprio sè sono elementi chiave che, ti permetteranno di iniziare un bellissimo viaggio eperienziale dentro e fuori di te.

Se vuoi saperne di più scrivimi o contattami in privato.

A settembre, la pratica di Yin Yoga diverrà una costante proposta su Besana in Brianza e online.

un abbraccio di luce

 

 

 

Laura

Donna, mamma, moglie, semplicemente me stessa!
Sogno, penso, rifletto, salto nelle pozzanghere e tra le nuvole, vivendo d'emozioni. Tra tecnologia, famiglia e social sharing assaporo ogni emozione, sempre!

Leave a Reply

Your email address will not be published.