Viaggiare, tempo, soldi, salute, … parole inflazionate. Oggi mi soffermo e voglio condividere con te cosa ho imparato viaggiando; viaggiare è una cosa che amo proprio come quasi tutte le persone sulla terra. Nonostante la paura, nonostante … tutto. Oggi ti porto in un viaggio tutto mio, tra i miei pensieri, in quello che ogni giorno diventa lezione di vita e dopo ogni viaggio si arricchisce un po’.

Perché questa necessità di elencare alcune lezioni che la vita mi ha impartito? Condividere! La condivisione è alla base della propria crescita, arricchimento interiore e non solo.

 

Vivi di emozioni anche tu? Registrati alla Box-Letter

 

Cose che ho imparato viaggiando: 7 per iniziare

 

1 | Differenza tra viaggiatore & turista

Io viaggio, io esploro, io scopro … quante volte hai sentito queste esclamazioni? Ne ho imparato la differenza viaggiando, quando ho iniziato ad andare oltre i luoghi denominati “punti di interesse”, quando ho iniziato a mettere io dei flag sulla mia pappa denominandoli tali. La differenza sta tutta li, nel mindset, nel modo di vivere quel determinato viaggio. Se con apertura della propria mente, del cuore e con la voglia di esplorazione oppure unicamente affidandosi a quanto gli altri hanno già vissuto ed etichettato “must be visited”, io ho fatto la mia scelta … ponderata, talvolta equilibrata ma pur sempre mia.

 

7 cose che ho imparato

 

2 | La lingua universale

Sin da quando ero piccina i miei genitori mi ripetevano “studia l’inglese, ti porterà ovunque” … vero! Nulla di più vero razionalmente. Per lavorare, per comprendere, per farsi comprendere. Fino a quando non arrivi in un piccolo villaggio sperduto in africa ed allora sai qual’è la lingua che ti apre davvero le porte? Il sorriso unito ad un grande pizzico di umiltà. Questa è la vera lingua universale. La semplicità dell’essere umano.

 

 

3 | Chiunque può viaggiare

Non serve per forza scalare l’ Everest o fare il giro del mondo per poter godere appieno delle emozioni che può regalarci un viaggio. Viaggiare, (come ho compreso strada facendo), è un modo di vivere … il viaggio stesso. Andiamo oltre all’età, alle barriere architettoniche, allo spending economico, al tempo. Il viaggio nasce da un desiderio. Il desiderio si nutre di immaginazione. L’immaginazione scalpita per tramutarsi in realtà. E allora cosa si può fare? Ritagliarsi degli sprazzi di tempo per esplorare luoghi, cose, persone. Il viaggio non è unicamente fatto di km, è fatto anche di persone.  Ho imparato che spesso l’emozione più grande non è racchiusa nella meta ma nel viaggio stesso. Ho imparato che è proprio durante il viaggio che le emozioni sono più forti, l’adrenalina si fa viva più che mai. Accogli il tanto o poco tempo che hai per esplorare senza viverlo come un limite; ti accorgerai che, anche la gita fuori porta a due passi da casa riserba emozioni grandi ma ad un compromesso, quello di viverle col cuore.

 

Se sei abbastanza coraggioso da lasciarti dietro tutto ciò che è familiare e confortevole, e che può essere qualunque cosa, dalla tua casa ai vecchi rancori, e partire per un viaggio alla ricerca della verità, sia esteriore che interiore; se sei veramente intenzionato a considerare tutto quello che ti capita durante questo viaggio come un indizio; se accetti tutti quelli che incontri, strada facendo, come insegnanti; e se sei preparato soprattutto ad accettare alcune realtà di te stesso veramente scomode, allora la verità non ti sarà preclusa. Elizabeth Gilbert

4 | Minimalismo

E’ bello essere sempre a proprio agio, in abiti consoni alle situazioni, confortevoli durante il viaggio e soprattutto che ci facciano sentire bene con noi stessi. E’ bello avere il phon, la piastra per stirare i capelli, il ferro da stiro per il colletto delle camicie, ed anche infinite tipologie di make up, l’ultimo libro che ha iniziato a leggere ed anche un cavatappi, non si sa mai vero? Vogliamo invece parlare di cerotti, medicine e smalto per le unghie per passare poi al cavalletto della reflex piuttosto che ad un obiettivo che non hai eppure ti serve per scattare foto mozzafiato? Essendo una fautrice della condivisione, ho iniziato ad “affittare” in giro per il mondo quello che mi serve. Ho già parlato della Sharing Economy e quindi sai bene qual’è il mio punto di vista e di rapporto con determinate piattaforme.A tal proposito ho identificato Paladin, una piattaforma che soddisfa a pieno le mie necessità. Trattandosi di brand specifici, proprio come piace a me, praticamente mi sento a casa ovunque, senza bagagli pesanti o investimenti in oggetti che userei per pochissimo tempo se non per l’occasione stessa. Si può noleggiare di tutto: droni DJI, action cam, tende da campeggio e tanto altro! Un oggetto condiviso, è un oggetto che continua ad essere efficace anche con il passare del tempo.

5 | Nutrire il rapporto con il proprio “io”

Impara a contare su te stesso. Ascolta i consigli di tutti ma scegli con la tua testa e soprattutto con il tuo cuore. Impara ad ascoltare il silenzio. Assapora i momenti in solitudine. Incrocia gli sguardi delle persone. Parla con le persone. Gusta cibi locali. Fai cose che non hai mai fatto, non per dire “sono brava anche io” ma per superare giorno dopo giorno un tuo limite. Sei la persona con la quale passerai il resto della tua vita, non scordarlo mai. Amati, accetta il tuo essere, anche quando significa accettare quello che tu stessa vorresti cambiare. La felicità è li, racchiusa in tutto ciò che sei.

 

viaggiare

6 | Uso consapevole della tecnologia

Iperconettività. Che tu sia nativo digitale o meno, sei già stato invaso dalla tecnologia. Non puoi dire di no. Indossi werable? Hai in tasca uno smartphone? In che modo scatti fotografie?  Lavoro e vivo nella tecnologia da anni, e … ho imparato ad utilizzare la tecnologia come ponte, un ponte per arrivare ad un dove. E’ un abilitatore di determinate cose ma a cui ho scelto di non essere dipendente; ho imparato pero’ a sfruttare al meglio ciò che, volente o dolente ho sempre con me. Ho imparato a ritagliarmi i miei spazi. A dare priorità alle situazioni, ad essere ne qui ed ora proprio come ti accennerò a seguire. Credo la vita sia questione di attimi che, vanno vissuti. Talvolta fotografati, per rivederli e rievocare emozioni in noi. Per sorridere silenziosamente allo sguardo di un ricordo o per fermare il tempo quando si tratta di una persona cara … in crescita.

 

Vivi di emozioni anche tu? Registrati alla Box-Letter

7 | Vivere nel presente “qui e ora”

Mindfulness. Ecco un’altra cosa che ho imparato viaggiando. Essere libera di vivere e lasciarmi guidare dalle emozioni. Vivere nel presente. Il passato è dietro di noi, il futuro avanti a noi ed il presente? E’ qui, ora, e richiede la nostra attenzione. Il tempo scorre inesorabile si può scegliere di osservare o di prendere parte attiva a quello che ci accade. E’ sempre una questione di attitudine? Su questo ci sto ancora lavorando ma, soprattutto nell’ultimo viaggio negli Stati Uniti ho compreso che, non tutte le mete che visitiamo le abbiamo davvero scelte, probabilmente dovevamo passare da li’ per apprendere qualcosa. Lasciati quindi ispirare dalle persone e dai luoghi che incontri, lascia che quello che vivi possa essere energia verso scelte consapevoli.

 

viaggiare con amore

 

Ho elencato alcuni punti cardine per me, forse banali? Credo che anche tu un po’ ti sia ritrovata nelle mie parole, forse sembrano la tua quotidianità ma ti assicuro che prendere consapevolezza di tutto questo non è stato semplice. E’ proprio quando diamo delle cose per scontate nella nostra vita che non attribuiamo loro il vero valore.

Cosa ho imparato viaggiando? Molte cose, forse troppe, ed etichettarle non è possibile ma, son curiosa di sapere cosa ne pensi e, spero le mie parole possano un po’ ispirare anche te, ad una riflessione silenziosa con il tuo “io”.

The following two tabs change content below.
Laura
Donna, mamma, moglie, semplicemente me stessa! Sogno, penso, rifletto, salto nelle pozzanghere e tra le nuvole, vivendo d'emozioni. Tra tecnologia, famiglia e social sharing assaporo ogni emozione, sempre!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *