Dopo un po’ di tempo che seguo con costanza la crescita di questo blog, mi sono proposta con gioia per scrivere un Guest Post, sperando di portare attraverso la mia conoscenza ed esperienza del valore a te che sei qui, che leggi o leggerai 🙂

Cos’è il Counseling? Ecco un sunto di tutto ciò che vi ruota attorno.

 

 

“Aiutare ad aiutarsi ” : è questo lo scopo del counseling , professione diffusa nel mondo adatta a migliorare le relazioni interpersonali. E non solo.

 

Ti spiego meglio  chi è il counselor  e in quali ambiti puo’ operare

 

counselor appunti

Il counselor è un “agevolatore delle relazioni d’aiuto” e allena la persona a far emergere le abilità cognitive, emotive e relazionali di base.

Quando interviene il counselor? Egli interviene in caso di :

 

  • problemi inerenti a conflitti nel campo lavorativo e familiare
  • problemi di elaborazione del lutto e della separazione
  • problemi di alterata percezione del sè e degli altri
  • problemi di coppia
  • problemi inerenti alla genitorialità
  • tutto cio’ che costituisce “disagio ” e “difficoltà” per il cliente.

 

Il cliente, sì.  Perchè nel counseling non esiste il termine “paziente ” o “assistito”.

Chi è quindi il cliente? Il cliente è:

  • la coppia
  • la persona
  • la famiglia
  • l’organzizzazione che richiede di essere iautata mediante un’opera di supporto , o percorso formativo, in un processo di sviluppo personale .

 

counselor

Il counselor instaura un rapporto di fiducia ed empatia con il cliente, si pone in ascolto (ascolto attivo) ed esplora il disagio  traghettando il cliente verso la migliore soluzione .

Questo “esperto nella relazione d’aiuto” accetta e rispetta lo stato emotivo di chi si rivolge a lui, non giudica , non critica ma esplora chi ha di fronte.

Che formazione ha il Counselor?

Il Counselor è una figura professionale che ha seguito  un corso di studi triennale presso un ente di formazione certificato al rilascio del titolo. Non esercita attività sanitarie ( somministrazione di tests o affini) , non prescrive farmaci e  giammai si sostituisce allo psicologo o psicoterapeuta che ,invece, operano seguendo metodolgie e tecniche specifiche (così come diversa è la loro formazione di base).

 

Quali sono le origini del counseling?

Il counseling nasce negli Stati Uniti intorno agli anni ’40 grazie a due psicologi americani , Carl rogers e Rollo May.

I termini su cui si “costruisce” il counseling sono principalmente due : l’empatia e l’ascolto attivo.

Avrai forse sentito nominare il termine “empatia” indicando come empatico colui che entra in contatto facilmente con le emozioni altrui e che riesce  quasi a condividerne gli stati d’animo. Bene, l’empatia è pressocchè questo, la Treccani la definisce così: “Capacità di porsi nelle situazioni di un’altra persona o , più esattamente, di comprendere immediatamente i processi psichici dell’altro…”

Il counselor deve necesariamente possedere questa dote per quanto l’empatia sia  secondo me una qualità innata e quindi difficilmente acquisibile da un corso o da un libro. Afferrare chi cerca la tua mano ma non farsi comunque trascinare eccessivamente nella situazione ( emotiva e non ) in cui versa l’altro. E’ bravo un counselor empatico, ma lo è ancor di piu’ se sa rimanere nei propri “confini” professionali.

 

” Io ti tendo una mano, comprendo il tuo disagio, me ne dispiaccio, ma sono lucidamente   pronto ad aiutarti “.

 

Il secondo e altro  importante termine del counseling è l’ Ascolto Attivo, una vera e propria tecnica. E’ il momento in cui chi ascolta riflette il contenuto del messaggio dell’altro dimostrando concretamente non solo di averne capito il vero  senso ma anche di averne accettato il contenuto senza giudizi.

Il counseling si esplica generalmente in poche sedute, l’azione del professionista mira a fronteggiare la situazione contingente (con uno sguardo, velocissimo, anche al passato se la situazione lo richiede)

counseling

In breve ti ho informato dell’esistenza di questa attività professionale, delineandone i punti di forza (brevità dell’intervento e focalizzazione istantanea del problema)   e i propri limiti ( non è una terapia, non “guarisce” e non scava nel tuo passato come puo’avvenire per la psicoterapia).

Se hai bisogno di ulteriori delucidazioni sul counseling o se posso rendermi utile per te o per colui/colei che sai essere in stato di “empasse” scrivimi pure e sarò ‘lieta di risponderti ed esserti utile!

Se ti è piaciuto l’articolo, mi farebbe piacere ricevere un tuo commento, o se pensi che, anche ad altri possa essere utile, condividilo.

Ti ringrazio per il tempo e l’attenzione, a presto

The following two tabs change content below.
Oltrechemamma
Perdutamenre innamorata delle mie figlie. sono educatrice e formatrice e mi occupo anche di counseling e mediazione familiare. Mi nutro di Poesia, arte e belle lettere. Cucinare mi rallegra e regala momenti di relax . Ho una passione spasmodica per il mondo sociopedagogico. Gradisco le compagnie stimolanti e non banali. Tanto concreta quanto sognatrice . Amo le rondini e la libertà.
Oltrechemamma

Ultimi post di Oltrechemamma (vedi tutti)

7 comments on “Cos’è il Counseling ?”

  1. Sempre utilissimi per approfondire e conoscere meglio vari settori del benessere, i post di myserendipity! Del counseling ho sentito tanto parlare ma non sapevo esattamente in cosa consistesse. Grazie, ho seguito con curiosità questo argomento che hai spiegato molto chiaramente. Riguardo all’empatia… io la definisco un’arma a doppio taglio. Se usata bene e con equilibrio, col giusto distacco appunto, è meravigliosa nelle relazioni… Viceversa, rischia di provocare danni a noi e alla persona con cui dialoghiamo. Penso che si impari a essere “giustamente” empatici.

  2. Grazie MammaYoga! Condivido, un’articolo davvero molto interessante, è servito molto anche a me! Grazie RondinePink per questo Tuo contributo di valore! 🙂

  3. Nato nell’ambito delle nuove correnti della psicologia umanistica, basate su una concezione molto vasta e ottimistica dell’essere umano, il counseling trova applicazione in un vasto campo, dal personale al sociale, dal sanitario all’aziendale.

  4. Esatto, l’ empatia non si costruisce…se c’è, è innata. Questa figura oggi sta prendendo sempre più importanza, come tutte quelle che sopperiscono alle nuove mancanze della nostra società: famiglie sempre più frammentate e amicizie superficiali…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *